Caricamento delle informazioni, attendere...loading
chiudi questa finestra
POCO X6 5G : Test / Recensione

notificationsAttivare le notifiche
SpiegazioniAttiva le notifiche per essere avvisato quando sono disponibili nuovi articoli e offerte. Puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento. Questa funzione non funziona su iOS.
Su questa pagina:
Prezzo Poco X6 5G
Disimballaggio
Prima configurazione
Finitura
Specifiche
Prestazioni della CPU / GPU
Benchmark Antutu/3DMark
Prestazioni di rete
Prestazioni Wifi
Prestazioni GPS
Autonomia della batteria
Test della fotocamera
Qualità audio esterna
Qualità audio (cuffie)
Qualità dello schermo
Biometria
Sistema operativo
Revisione finale / conclusione
Smartphones Recensioni

POCO X6 5G : Test / Recensione


Pubblicato su: 27-12-2023 / Modificata: 11-01-2024
Xiaomi e i suoi vari marchi (POCO, Redmi, Xiaomi, Black Shark, ecc.) hanno invaso il mercato europeo da diversi anni, lanciando numerosi modelli per coprire tutte le fasce di prezzo, i gusti e i colori. C'erano così tanti modelli tra cui scegliere che era facile perdersi. Questo entusiasmo commerciale ha lasciato il posto a una fase di maturità, con una gamma di telefoni più facile da capire e lanci di nuovi prodotti più prevedibili. Come ogni anno, all'inizio dell'anno verrà presentata la gamma X di POCO, seguita senza dubbio dalla gamma Redmi, tra cui il Redmi Note 13 e il Redmi Note 13 Pro, che non mancherò di testare.

La gamma X di POCO rappresenta la fascia media e originariamente questi telefoni erano rivolti ai giocatori in cerca di prestazioni a un prezzo contenuto. Dopo il POCO X4 le cose sono cambiate: la gamma X è diventata più accessibile a un pubblico più ampio e questa tendenza è destinata a continuare con il nuovo POCO X6. Le prestazioni sono ancora un fattore importante, ma questo nuovo smartphone si muoverà anche in altre nicchie che sono state un po' trascurate dalle generazioni precedenti.
Sulla carta, la grande novità è l'architettura tecnica su cui girerà questo nuovo POCO. Xiaomi e i suoi vari marchi hanno la tendenza a riciclare il più possibile le loro ricette e alla fine, con poche novità, questo POCO X6 riprenderà le basi di un modello pensato per il mercato cinese, ma sarà il primo della gamma POCO per il mercato europeo. [Diamo un'occhiata più da vicino

Offerta di lancio



Come di consueto, POCO lancia questo nuovo modello e la versione PRO a un prezzo preferenziale attraverso il suo sito ufficiale:

Il POCO X6 è disponibile a 289,9€ e si possono raccogliere punti Mi per acquisti futuri:

POCO X6 / Sito ufficiale

Il POCO X6 Pro è disponibile a 349,9€:

POCO X6 Pro / Sito ufficiale

Sito del produttore:

https://www.po.com

Sito dove ho acquistato il Poco X6 5G:
https://s.zbanx.com/...

Struttura della mia recensione

Provo i telefoni secondo una struttura prestabilita (vedi sotto) per fornirvi quante più informazioni possibili. Purtroppo, questo richiede molto tempo. Alcuni test come i test sulle prestazioni della rete richiedono diversi giorni e per i test fotografici a volte devo aspettare che il tempo sia adatto per scattare foto in buone condizioni. Sono quindi obbligato a pubblicare i test passo dopo passo, quindi vi invito a tornare se il test non è completo al momento della vostra visita.

Prezzo Poco X6 5G

L'elenco che segue mostra i prezzi del Poco X6 5G da più di 50 siti in tutto il mondo. Se non sei soddisfatto di un prezzo, puoi iscriverti ad un avviso di prezzo per essere avvisato quando il prezzo scende.

I link di cui sopra sono link di affiliazione di aziende come Amazon, Gearbest, Aliexpress,... Se apprezzate il mio lavoro, vi sarei grato se poteste acquistare questi prodotti attraverso questi link. Non ti costa assolutamente nulla, ma ricevo una piccola commissione che mi permette di acquistare il materiale che testiamo. Grazie mille!

Cronologia

Dicembre 2023: POCO X6 consegnato prima del lancio commerciale

Gennaio 2024: POCO X6 lanciato e test pubblicato

Perché questo telefono?

Ho testato quasi tutti i modelli POCO rilasciati in Europa negli ultimi 4 anni ed è quasi diventata una tradizione inaugurare il nuovo anno con un test di un nuovo POCO della gamma X. Questa gamma di smartphone ha fatto molta strada dal POCO X3 (prima generazione della gamma X), che era piuttosto brutto e aveva una grande debolezza in termini di sensibilità alla rete. Questa gamma di smartphone ha fatto molta strada dal POCO X3 (prima generazione della gamma X), che era un telefono piuttosto brutto e aveva una grande debolezza in termini di sensibilità alla rete. Fortunatamente, POCO si è rifatta con telefoni più eleganti e convenienti. Le prestazioni possono interessare solo i videogiocatori, ma se ciò significa avere un telefono ultraveloce per tutte le applicazioni quotidiane, questo telefono sarà apprezzato da un pubblico più ampio

La novità del POCO X6 è l'architettura utilizzata. Con la CPU Snapdragon 7s Gen2 (sm7435), il POCO di fascia media alzerà un po' il livello in termini di prestazioni e fluidità. Esiste ovviamente un'intera gamma di telefoni più potenti, ma sono più costosi e anche più assetati di energia. [Le proprietà dello schermo non cambiano molto, il POCO X6 è dotato di uno schermo Amoled a 120hz, ma il cambiamento arriva più che altro dal lato estetico, con un lavoro sui bordi per renderli più sottili. Ciò comporta una maggiore percentuale di occupazione del pannello frontale del telefono, cosa ancora piuttosto rara in questa fascia di prezzo.
Per quanto riguarda la fotografia, non ci sono novità: il POCO X6 utilizza un sensore Omnivision OV64B40, già utilizzato sul POCO M4 Pro, POCO F4 e POCO F5. Questo tipo di fotocamera non brilla per le sue prestazioni e non mi è sembrato molto logico trovarla nei top di gamma come la F4 o la F5, ma può senza dubbio trovare posto nella fascia media. La versione PRO dell'X6 è dotata dello stesso sensore, quindi non ci sarà alcuna differenza da aspettarsi in questo senso.

Disimballaggio

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo unboxing 11
[L'identità di POCO è rimasta invariata da alcuni anni e le scatole sono tutte uguali, con scritte gialle su sfondo nero. POCO ha anche standardizzato il contenuto della scatola con il telefono, un guscio protettivo in silicone morbido, un ago per aprire il cassetto della SIM, un caricatore da 67 watt, un cavo USB e un manuale


Prima configurazione

Il POCO X6 viene commercializzato con MIUI 14, un overlay di Android 13, che è anche il caso di tutti gli smartphone lanciati di recente dal gruppo Xiaomi (Redmi, Mi, POCO, ecc.). Non ci sono sorprese per quanto riguarda la configurazione iniziale, poiché le schermate sono le stesse del modello precedente. Se non volete condividere dati anonimi con POCO, non attivate gli sfondi alla fine della configurazione, poiché il loro scopo è raccogliere dati per indirizzarvi meglio con la pubblicità. Non c'è nulla di pericoloso in questo, ma poiché alcune persone sono sensibili a questo aspetto, preferisco menzionarlo

.

Finitura

Prima di iniziare a descrivere il POCO X6, farò prima un passo indietro nel tempo mostrandovi il POCO X3:

poco x3 pro test avis review recensione bewertung analisis opinion 11


E poi successivamente mostrandovi il POCO X6:

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo unboxing 5


Ho testato il POCO X3 nel febbraio 2021, 3 anni separano questi due dispositivi e l'evoluzione verso qualcosa di più serio è piuttosto chiara. Il POCO X3 era interessante quando è uscito per la prima volta, ma il POCO X6 è cresciuto in maturità con una migliore integrazione del blocco fotocamera, una finitura più curata e un telefono più sottile e leggero

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo unboxing 8


Lo schermo da 6,67 pollici domina la parte anteriore del telefono, i bordi sono molto sottili per un telefono di questa fascia di prezzo, questa caratteristica era precedentemente disponibile solo sulla fascia alta. Lo schermo è interrotto solo dal sensore selfie a forma di punto situato al centro del bordo superiore dello schermo. Il sensore non è il più sottile sul mercato, ma è abbastanza piccolo da non interferire con la lettura.

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo unboxing 7


Sul fondo del telefono si trovano la consueta porta USB di tipo C, un altoparlante esterno e un cassetto anteriore/posteriore per 2 schede sim.

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo unboxing 2


Sul lato destro si trovano i consueti pulsanti del volume e della home. Questi pulsanti sono posizionati al solito posto e sono realizzati in plastica dello stesso colore del profilo del telefono. Il tasto home è dotato di un sensore di impronte digitali. Il lato sinistro è perfettamente liscio e senza interruzioni

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo unboxing 1


Sulla parte superiore del telefono sono presenti un sensore audio, un'uscita per un secondo altoparlante e una porta a infrarossi

Il blocco fotografico è integrato in un quadrato nero riflettente composto da due strati come la maggior parte dei POCO recenti. Il primo strato con il marchio POCO e il numero di pixel è contiguo al retro del telefono, ma i due sensori spiccano in modo evidente, creando uno squilibrio quando il telefono viene appoggiato sul retro. I sensori fotografici sono molto più piccoli dei cerchi che li ospitano, ma immagino che questa scelta sia principalmente estetica o forse per dare l'impressione di avere un super obiettivo sul retro del telefono. Questa configurazione mi ricorda un po' il OnePlus Nord 2T. Il flash e il sensore di profondità completano la fotocamera

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo unboxing 5


Il retro è realizzato principalmente in plastica che imita il lato riflettente del vetro, il che conferisce al telefono una sensazione più premium, è abbastanza riuscito ma i fanatici delle impronte digitali passeranno molto tempo a pulirlo.[Questo POCO X6 conferma la crescente maturità della fascia media con un'estetica più classica ma ben riuscita, POCO non ha corso alcun rischio commercializzando un telefono elegante, privo di caratteristiche stravaganti e con un buon livello di rifinitura

Specifiche


Le informazioni seguenti provengono dall'applicazione Device Info HW. L'applicazione fornisce informazioni tecniche dettagliate sul telefono testato. Come ho accennato nell'introduzione a questo test, il POCO X6 utilizza una nuova architettura Snapdragon che avrà un impatto su CPU, GPU, GPS, Bluetooth, wifi e modem. Tutti i telefoni che utilizzano la stessa architettura offriranno quindi lo stesso tipo di prestazioni del POCO X6

Scavando nelle specifiche del telefono, ho notato i seguenti punti:

- lo schermo è un FocalTech, non credo di aver testato uno schermo di questo tipo su nessun altro telefono

- il chip audio è un AW882xx, non ho testato nemmeno questo chip ma fa parte dell'architettura Snapdragon,
- il nome in codice del telefono è "Tiramisù"

- lo schermo ha un'insolita risoluzione di 1220x2712 e supporta frequenze di 60, 90 e 120hz

- lo schermo è compatibile con Dolby Vision, HDR10 e HLG

Non sono riuscito a trovare informazioni sul tipo di memoria, ma data la reattività del telefono, immagino che sia UFS 3



Prestazioni della CPU / GPU



Il POCO X6 5G si basa su una CPU Qualcomm Snapdragon 7s Gen 2 (SM7435), mentre il POCO X5 utilizzava uno Snapdragon 695, quindi il guadagno in termini di prestazioni dovrebbe essere ben visibile nei risultati dei test Antutu. Per la grafica, utilizza una Adreno 710. Non ho ancora potuto testare questa GPU, ma le sue prestazioni saranno leggermente inferiori a quelle del POCO F5

Tutti i telefoni che utilizzano questa architettura otterranno più o meno gli stessi risultati nei test utilizzati in questo articolo. Quindi, se state decidendo tra questo telefono e un altro che utilizza la stessa architettura, le differenze saranno quasi inesistenti (a meno che non ci siano vincoli esterni legati, ad esempio, al formato del telefono).

Benchmark Antutu/3DMark

Ho ottenuto un punteggio Antutu v9 di 502407 per questo telefono, mentre con il modello precedente avevo superato di poco i 400.000 punti. Quindi il guadagno di prestazioni è reale. Sono un po' sorpreso dal punteggio della GPU: sono allo stesso livello di un Redmi Note 12 Pro con la sua Mali G610, quindi siamo abbastanza lontani da un POCO F5, contrariamente a quanto pensavo. In termini di memoria, invece, questo POCO fa molto meglio del Redmi, avvicinandosi all'OnePlus Nord 2T e al POCO X4 GT





Gaming

Per testare le prestazioni del gioco, scarico il gioco mobile PUBG e ne valuto la fluidità, il livello grafico e la profondità di visione. Questo gioco è piuttosto impegnativo e permette di evidenziare le prestazioni di un telefono cellulare.
youtube previewyoutube preview
[Con un punteggio di oltre 500.000 punti su Antutu, il POCO X6 non dovrebbe avere problemi con un gioco come PUBG Mobile e, come potete vedere, l'esperienza è molto buona. Con la modalità boost integrata nella MIUI 14, è possibile aumentare il frame rate a 60 fps per ottenere la massima fluidità. Sebbene sia indubbiamente possibile ottenere un livello di grafica superiore da uno smartphone di fascia alta, l'esperienza di gioco con il POCO X6 è davvero buona e supera la concorrenza in questa fascia di prezzo

Prestazioni di rete

Il POCO X6 è compatibile con tutte le frequenze 3G/4G in Europa e offre un'ampia scelta di frequenze per il 5G, ma al momento in cui scrivo non ho ricevuto l'elenco completo delle frequenze.

Segnale 4G (da dicembre 2020)

Ho deciso di cambiare la metodologia di misurazione della rete perché ho notato che la configurazione della rete mobile cambia nel tempo. Questo rende più difficile il confronto tra i telefoni, perché le condizioni non sono più esattamente le stesse.

Per superare questo problema, ho impostato un dispositivo che cattura 24 ore su 24 circa dieci parametri dalla rete mobile (es: cell id, rssi, rsrq, snr, frequenza, ...). Posiziono poi il telefono accanto al dispositivo per 24-48 ore effettuando le stesse misurazioni in modo da poterle confrontare.

Panoramica dei telefoni testati con questa metodologia



poco x6 4G signal


Ho effettuato poco meno di 600 misurazioni per valutare la sensibilità di rete di questo telefono e ho ottenuto un segnale medio vicino a -95 dBm mentre allo stesso tempo ho ottenuto un segnale medio di -91 dBm con la sonda. Il segnale del POCO è rimasto stabile per tutta la durata della misurazione, mentre quello della sonda ha subito numerose fluttuazioni, ma il segnale della sonda è stato di qualità migliore per tutta la durata delle misurazioni. Con un segnale medio di -95 dBm, il POCO X6 non si colloca né tra i migliori né tra i peggiori, ma a metà delle misurazioni.

Velocità di scaricamento/caricamento

Per testare la velocità di download, ho identificato alcune celle 4G che offrono buone prestazioni dove provo tutti i miei dispositivi più volte per vedere quale velocità di download e upload possono raggiungere.


Prestazioni Wifi

Per testare la capacità di un telefono di ricevere correttamente la rete, prendo le misure vicino al mio router e poi a distanza (e sempre nello stesso posto). Questo mi dà una media in dBm dove un valore di -90 dBm indica prestazioni inferiori rispetto ad un valore di -30 dBm.


Segnale Wifi

Ho misurato un segnale minimo di -15 dBm vicino al router e di -61 dBm a distanza. Il POCO X6 ha una buona sensibilità wifi e il segnale rimane abbastanza stabile: su 206 misurazioni effettuate, il segnale non si è mai discostato di più di 1 dBm!



Velocità di scaricamento/caricamento

Per testare la velocità in Wifi, mi collego al mio router in 2.4Ghz e 5Ghz (se disponibile) e uso l'applicazione Ookla per misurare la velocità.

Prestazioni GPS


Per testare la precisione del segnale GPS, utilizzo due applicazioni di posizionamento per valutare la differenza tra la posizione reale e quella indicata dal telefono. Questo test viene fatto all'aperto senza nulla che ostacoli il segnale. Un livello di precisione fino a 3 metri può essere facilmente corretto da un'applicazione (ad esempio Google Maps).

Questo telefono è dotato di un chip GPS Qualcomm, che spesso comporta un livello di precisione inferiore rispetto ai chip Mediatek. Questo vale anche per questo POCO X6, dove ho misurato un livello di precisione di 3 metri. Le applicazioni di test del GPS indicano un livello di precisione di 3 metri, che viene verificato anche quando utilizzo Google Maps confrontando la posizione della mappa con la mia posizione effettiva. Si tratta di un punteggio molto medio e la discrepanza di precisione può essere facilmente corretta dall'applicazione GPS. Non credo che questo telefono utilizzi due frequenze, perché nonostante i vari test che ho effettuato, ho visto solo una frequenza per rete. D'altra parte, il numero di satelliti rilevati e utilizzati era molto più alto di quello che sono abituato a vedere e la qualità del segnale era davvero buona (

Autonomia della batteria

Per testare la durata della batteria ho sviluppato un'applicazione che misura il livello della batteria minuto per minuto fino a quando la batteria è vuota. Questa applicazione consuma circa il dieci per cento delle risorse del telefono e faccio un test con il 100 di luminosità. Questo test mira a riprodurre un uso contemplativo del telefono (ad esempio, navigare in internet, leggere articoli, passare del tempo sui social network). Questi risultati non sono validi per un uso intensivo di gioco/streaming.

Ricarica della batteria

poco x6 battery test charging


Il POCO X6 viene venduto con un caricatore da 67 watt, ma io l'ho testato con un caricatore UGREEN da 100 watt, come per tutti gli altri telefoni che ho testato. Ci sono voluti 92 minuti per caricare la batteria dal 2 al 100%. La velocità di ricarica per il primo 40% è rapida, in quanto il 40% viene raggiunto dopo 23 minuti. La velocità di ricarica diminuisce ma rimane costante tra il 40% e l'80%. Come per tutti i telefoni, l'ultimo 20 percento è più lento e richiede quasi 40 minuti per passare dall'80 al 100%.

Durata della batteria

poco x6 battery test range


Ho ottenuto una durata della batteria di 673 minuti con luminosità al 100% e di 1170 minuti con luminosità al 50%, un buon punteggio che indica che il telefono non è troppo avido e che lo schermo ha un consumo lineare (luminosità al 100% = metà della durata della batteria). Per il test con luminosità al 100% si può notare che il telefono ha deciso da solo di passare alla modalità di risparmio della batteria, perché la curva si appiattisce nell'ultimo 20%

Efficienza energetica

Per testare il telefono in condizioni estreme, lo spingo alla massima capacità per diversi minuti e misuro l'impatto sulla batteria e il consumo di energia di ciascun componente.

Ecco i risultati del test di consumo energetico:

poco x6 power watts test 1


Quando il processore è spinto al massimo, ottengo un consumo di poco più di 6 watt. Quando spingo la GPU al massimo, il consumo è di poco più di 3 watt. Se combino CPU, GPU e FPU, il consumo energetico è di poco superiore a 8 watt. Da qui si può estrapolare la durata massima in condizioni estreme.

Ecco i risultati del test della temperatura:

poco x6 power temp test


La temperatura è direttamente collegata al carico e possiamo vedere che si evolve in modo evidente per la CPU che supera i 40°C (fino a quasi 50°C) dopo 7 minuti ma in nessun momento ho avvertito alcuna forma di riscaldamento sul telefono, il calore è ben dissipato. Anche la batteria aumenta, ma in modo più moderato, raggiungendo circa 35°C dopo oltre 7 minuti di carica

Il POCO X6 offre quindi un buon livello di prestazioni senza creare problemi in termini di calore e durata della batteria. Il Redmi Note 12 Pro, meno efficiente, consuma più energia ed emette più calore.

Test della fotocamera

Per testare la qualità delle foto prodotte da un telefono, faccio un test tecnico (risoluzione, nitidezza, aberrazione cromatica,...) in studio (condizioni identiche) per valutare obiettivamente la parte tecnica. A partire dalla seconda metà del 2020, ho costruito il mio laboratorio per effettuare misurazioni tecniche completamente obiettive. Poi scatto le foto in condizioni reali per vedere come si comporta la macchina fotografica. Valuto poi queste foto secondo i miei criteri, ma pubblico le foto in modo che possiate valutare il risultato secondo i vostri criteri.

Attrezzatura

Il POCO X6 utilizza come sensore principale un sensore Omnivision OV64B40, lo stesso del POCO F4, POCO F5 e POCO M4 Pro. Si tratta di un sensore di fascia media che non appartiene alla gamma F di POCO, ma per una gamma M o X la scelta è più appropriata. La gamma X di POCO non ha mai brillato per la qualità del suo sensore fotografico e questo non è mai stato il punto di forza di questo tipo di smartphone. Questo non significa necessariamente che il sensore sia scadente, ma solo che non è il migliore in questa fascia di prezzo.
Il sensore secondario è un Sony IMX 355, che è probabilmente il sensore ultra-grandangolare più utilizzato in molti telefoni di questa fascia di prezzo. Questo tipo di sensore produce foto di qualità inferiore, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione, ma il Sony IMX 355 ha comunque il pregio di avere una buona fedeltà cromatica.

Qualità foto


Qualité des photos (intérieur/studio)

Il test in studio viene effettuato nelle stesse condizioni, in modo che i risultati possano essere confrontati su una base uguale. Calibro la mia illuminazione per ogni test per ottenere la stessa luminosità e temperatura di colore. Questo test è un'analisi preliminare delle qualità tecniche di una telecamera. La maggior parte dei telefoni non supera questo test, quindi dovresti anche leggere i risultati degli altri test nei paragrafi seguenti.

Sensore principale Omnivision OB64

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo studio 1


Come per molti telefoni che ho testato in studio, le foto in luce artificiale sono troppo scure e fredde. Sapevo cosa avrei ottenuto con questo sensore perché l'ho già testato su altri smartphone nelle stesse condizioni. Questo non significa che avrà lo stesso problema all'aperto, ma è un'indicazione per le foto in luce artificiale. La nitidezza è comunque abbastanza buona e i dettagli della Statua della Libertà sono resi correttamente, come si può vedere anche nella foto seguente:

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo studio 13


Questa foto mostra che il livello di nitidezza di questo sensore è abbastanza buono e il testo sulla banconota canadese è perfettamente leggibile anche oltre il 100% di zoom. La nitidezza periferica si deteriora notevolmente se si osservano i bordi della banconota inglese, ad esempio, ma l'immagine complessiva è ancora molto leggibile.

Sensore secondario Sony IMX 355

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo studio 10


Ho testato questo sensore in molti altri telefoni e le conclusioni sono sempre le stesse. Questo sensore è piuttosto sorprendente per un sensore ultra grandangolare, perché riesce a catturare quasi la stessa quantità di luce del sensore principale e rende i colori in modo più fedele. Naturalmente è presente una quantità significativa di distorsione, ma questo sensore non è stato progettato per scattare foto di piccoli oggetti da vicino. La nitidezza non è buona come quella del sensore principale, ma è comunque decente per questo tipo di sensore.

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo studio 14


È con questo tipo di foto che si nota subito la mancanza di nitidezza: il testo sulla banconota canadese è sfocato, e intorno ai bordi è ancora peggio



Questi risultati in studio non mi sorprendono, poiché ho già testato questi sensori in altri telefoni e nella fascia media le foto scattate in studio hanno quasi sempre lo stesso tipo di risultato. All'aperto le cose sono diverse, come si vedrà nel prossimo paragrafo.

Foto: test tecnico

Mi sono ispirato ai test tecnici industriali per creare il mio test tecnico per valutare la qualità tecnica di una telecamera. Questo test è una valutazione oggettiva della capacità di una telecamera di rendere correttamente una scena.

Testo i seguenti elementi:
- nitidezza centrale, nitidezza periferica
- fedeltà cromatica basata su 24 colori di riferimento
- livello di aberrazione cromatica
- gamma dinamica (capacità di catturare aree scure e chiare senza perdita)
- distorsione

La valutazione tecnica può differire dalla valutazione soggettiva poiché la sensazione di una foto sarà influenzata dall'elaborazione fornita da ogni produttore.

Non ancora disponibile / testato

Qualità delle foto all'aperto

Sensore principale Omnivision OB64

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo sun 7


Testare un telefono in pieno inverno non è l'ideale perché la luce non è così buona, ma nella vita di tutti i giorni non si possono controllare nemmeno le condizioni di luce. Ho scattato queste foto alla fine di dicembre in un pomeriggio piuttosto nuvoloso, la luce non era molto buona e da questo punto di vista il telefono ha catturato bene l'atmosfera. Ho riscontrato la stessa tendenza alla sottoesposizione che avevo notato in studio, ma meno pronunciata. La gamma dinamica è interessante perché, nonostante le cattive condizioni, non vedo cieli completamente bruciati o aree completamente bloccate sotto l'orizzonte. La nitidezza è nella media, basta assicurarsi di mettere a fuoco il soggetto giusto, in questo caso la fotocamera ha scelto di mettere a fuoco un ramo in movimento in primo piano.
Il sensore Omnivision OB64, e la maggior parte dei sensori Omnivision, non si distingue per la sua qualità ottica. Non posso dire che sia scadente, perché non lo è, ma non è il sensore di riferimento della fascia media. Xiaomi di solito riserva i migliori sensori per il marchio Redmi, dove ho potuto testare il Sony IMX 766 nel Redmi Note 12 Pro; questo sensore supera di gran lunga il sensore Omnivision



Sensore secondario Sony IMX 355

poco x6 test review avis recensione prueba opinion beoordeling photo sun 8


Il piccolo sensore ultra-grandangolare si comporta piuttosto bene con queste foto scure, producendo foto più esposte rispetto al sensore principale e rendendo i colori molto meglio. Nel complesso, le foto sono meglio esposte, i colori sono più fedeli e la gamma dinamica è buona. Ovviamente c'è molta sfocatura ai bordi e si nota anche un po' di aberrazione cromatica, ma tutto ciò è molto comune su questo tipo di sensore



Test fotografico / luce bassa - notte

Non ancora disponibile / testato

Qualità video


Stabilizzazione

youtube previewyoutube preview
[Il Poco X6 è in grado di effettuare riprese in 4k e 30 fps o in 1080p e 60 fps. In 4k questo telefono riesce a stabilizzare i video relativamente bene, non è ancora perfetto perché si notano ancora alcuni scossoni, ma per uno smartphone di fascia media è un buon risultato (soprattutto in 4k). I video sono ancora più stabili in 1080p.

Video in condizioni normali
youtube previewyoutube preview


Le condizioni non erano ideali per testare la qualità video di questo telefono, ma ho trovato la qualità video buona e il problema di sottoesposizione visibile nella foto è molto meno evidente nel video. Questo video è stato girato in 4k 30 fps, quindi i movimenti veloci non saranno così fluidi come in 1080p 30 fps, ma il video non è a scatti con ogni movimento. La potenza di calcolo del telefono significa anche che i pixel possono essere ricalcolati rapidamente, e questo lavoro è appena visibile. La messa a fuoco è veloce, la gamma dinamica è buona, la resa dei colori è un po' fredda come nella fotografia, ma l'atmosfera del maltempo è catturata abbastanza bene.

Video in penombra

Non ancora disponibile / testato

Qualità audio esterna


Questo test ha lo scopo di darvi una panoramica del volume e della qualità del suono durante le chiamate e quando ascoltate la musica attraverso gli altoparlanti esterni.

Non ancora disponibile / testato

Qualità audio (cuffie)

Per testare la qualità dell'uscita audio del telefono, collego l'uscita audio del dispositivo ad uno strumento di misura, quindi riproduco i suoni su tutte le frequenze e misuro le differenze tra il suono originale e il suono prodotto dal telefono. In questo modo misuro la capacità del telefono di riprodurre correttamente tutti i.
poco x6 honor magic6 lite frequency reponse


Sto testando l'Honor Magic6 Lite contemporaneamente a questo telefono, quindi ho colto l'occasione per metterli faccia a faccia per questo test audio. L'Honor Magic6 Lite è in grado di riprodurre tutte le frequenze, ma la qualità della riproduzione non è buona come quella del POCO X6. Il grafico qui sopra mostra che la curva dell'Honor si discosta molto di più dalla norma rispetto a quella del POCO. La differenza sembra enorme ma bisogna guardare la scala, la differenza in numeri assoluti non è gigantesca ma esiste. [Sulla base di questo test, direi che la qualità audio dell'Honor è leggermente inferiore a quella del POCO, il che è in parte vero, ma c'è un altro fattore da considerare. Il test della qualità del suono viene effettuato con il volume del telefono al massimo per verificare se è in grado di riprodurre il suono alla massima capacità senza distorsioni ed è proprio qui che l'Honor perde un po' di terreno rispetto al POCO. L'Honor produce un suono potente ma nella media, ma al massimo volume la distorsione è molto evidente. Il POCO, invece, produce un suono più potente ma con una distorsione molto meglio controllata. Il POCO X4 Pro produceva un suono ancora più potente ma con un alto livello di distorsione, quindi l'X6 corregge un po' le cose con un suono un po' meno potente ma comunque ben al di sopra della media senza la distorsione dell'X4 Pro

Questo POCO X6 è quindi piuttosto interessante in termini di suono, perché combina i punti di forza dei modelli precedenti (soprattutto in termini di potenza) senza soffrire degli stessi problemi di distorsione


Qualità dello schermo

Per testare lo schermo utilizzo una sonda colorimetrica che misura la precisione dei colori su uno schermo e altri parametri per vedere se uno schermo è in grado di riprodurre accuratamente un'immagine. Testerò anche il livello di luminosità per determinare se lo schermo sarà in grado di visualizzare un'immagine in piena luce solare.

Colorimetria

poco x6 screen calibration
[Il Poco X6 è dotato di un pannello Amoled da 6,67 pollici con una risoluzione di 2712 x 1220. Questo schermo utilizza 3 frequenze (120hz, 90Hz, 60Hz) e si può lasciare che il telefono scelga automaticamente la frequenza più adatta o scegliere la frequenza da utilizzare personalmente. Il Poco X6 è compatibile con DolbyVision, HDR10 e HLG. La compatibilità con questi formati consente di riprodurre film con una maggiore gamma dinamica e uno spazio colore più ampio.

Ho misurato la colorimetria di questo schermo rispetto allo spazio colore DCI-P3 e ho ottenuto un delta E medio di 3,1 per i colori e di 4,55. Non sono i valori migliori che abbia mai visto. Non sono i migliori valori che ho ottenuto su un telefono, ma la differenza di colore non è abbastanza significativa da degradare l'esperienza. Solo un occhio esperto noterà che il bianco è un po' troppo freddo. È interessante notare che la promessa di copertura dello spazio colore DCI-P3 è stata mantenuta: ho ottenuto quasi il 100% dello spazio DCI-P3. [Se si desidera una migliore colorimetria, è necessario passare lo schermo alla modalità standard, ma questo avrà un impatto sullo spazio colore, che sarà limitato a REC709, che offre una tavolozza di colori più piccola.

Contrasto

Come la maggior parte degli schermi Amoled, il contrasto è infinito, quindi i neri sono davvero neri. L'esperienza visiva di questo schermo è quindi eccellente, anche se questa non è ancora una regola applicata a tutti i telefoni di questa fascia di prezzo.



Luminosità / Contrasto

Ho misurato una luminosità di circa 520 cd/m² senza utilizzare la modalità sole. Quando accendo la modalità sole e inondo il sensore di luce, la luminosità supera i 1000 cd/m², un valore assolutamente enorme. Non mi capita spesso di superare i 1000 cd/m² con questo metodo, ma ciò significa chiaramente che questo schermo è abbastanza luminoso da poter essere utilizzato in qualsiasi condizione.

Biometria

Il sensore di impronte digitali si trova sullo schermo, cosa che non vedevo da POCO da molto tempo. Il sensore funziona bene, è veloce e non ho riscontrato molti errori durante il test. È disponibile anche il riconoscimento facciale, che funziona bene, ma solo in 2D.

Sistema operativo


Il gruppo Xiaomi lavora da molti anni su un overlay Android chiamato MIUI. Questo telefono esegue la MIUI 14, che è basata su Android 13. Poiché ho testato telefoni Xiaomi per anni, sono abituato a questa interfaccia e alle sue caratteristiche specifiche. Ho anche notato che Xiaomi mantiene le sue promesse quando si tratta di aggiornamenti, dato che ho tenuto alcuni vecchi modelli e questi telefoni ricevono ancora aggiornamenti regolari. MIUI 14 è un sistema molto completo, paragonabile a quello di Samsung per i suoi telefoni; le possibilità di personalizzazione e le impostazioni sono numerose. [Ciò che molti criticano dei telefoni che utilizzano la MIUI è la pubblicità che fa parte dell'ecosistema. È importante capire che questa fa parte dell'ecosistema Xiaomi e del suo modello di remunerazione. La pubblicità consente di commercializzare i telefoni a un prezzo inferiore rispetto alla concorrenza, quindi non si può avere tutto. Personalmente, non mi trovo quasi mai di fronte alla pubblicità, trovo la pubblicità su YouTube molto più irritante di quella presente sui telefoni che ho testato

I POCO vengono forniti anche con un'intera gamma di applicazioni in automatico, so che questo irrita alcune persone, ma fa anche parte dell'ecosistema perché consente di condividere i ricavi pubblicitari con gli editori. Se non avete bisogno di queste applicazioni, mettetele in una cartella e non vi daranno più fastidio.

Bug incontrati

Non ancora disponibile / testato

Accessori Poco X6 5G

Confronta Poco X6 5G con altri dispositivi

Revisione finale / conclusione


Il marchio POCO ha trovato una nicchia di prestazioni e continua a migliorare il rapporto prezzo/prestazioni con ogni nuova generazione. Le prestazioni grezze di questo nuovo POCO X6 superano di gran lunga quelle del POCO X5 e la nuova architettura utilizzata consente anche una migliore gestione della temperatura quando il telefono viene spinto al massimo. Questo livello di prestazioni stuzzicherà senza dubbio la fantasia dei giocatori, anche se esistono telefoni più potenti, ma è il prezzo che permette di accedere a questo livello di prestazioni senza spendere troppo. I giocatori non saranno gli unici, perché le prestazioni si traducono anche in un'esperienza fluida per tutti i gesti quotidiani, con una buona reattività da parte di applicazioni come la fotocamera, che non rimane indietro nella messa a fuoco o nell'attivazione della foto.
Anche lo schermo è diventato un punto di forza di POCO nelle ultime due generazioni, con l'uso di un pannello Amoled che offre un enorme vantaggio in termini di contrasto, ma gli aspetti positivi non si fermano qui. Lo schermo utilizza una frequenza dinamica che può arrivare a 120 Hz per una fluidità dell'immagine esemplare. La colorimetria potrebbe indubbiamente essere migliore, ma questo è compensato da uno spazio colore molto ampio, che consente di guardare film e serie TV in HDR o Dolby Vision in condizioni eccellenti.

La mia esperienza con l'audio delle precedenti generazioni della gamma POCO X è stata un po' contrastante, ma questo X6 corregge alcuni punti importanti senza sacrificare gli aspetti positivi delle generazioni precedenti. Il POCO X6 offre un suono potente che vi lascerà a bocca aperta, con un livello di distorsione controllato molto più basso rispetto alla generazione precedente. La qualità del suono in cuffia è migliorata rispetto all'X4 e anche la qualità del suono attraverso gli altoparlanti è migliore.

Per quanto riguarda la connettività, i miei risultati sono abbastanza dispersivi. Ho un buon segnale wifi e un'ottima velocità di download, mentre il segnale mobile è un po' sotto la media e la precisione del GPS è circa nella media per la maggior parte dei telefoni. Tuttavia, il segnale GPS ha un buon SNR

Dove sto ancora aspettando POCO è sul fronte delle foto, che è ciò che gli manca per scuotere seriamente la concorrenza, ma c'è una ragione per questo. Se la gamma POCO fosse dotata di sensori migliori, metterebbe in ombra la gamma Redmi e suppongo che non sia questo l'obiettivo di Xiaomi. Il POCO X6 non offre nulla di nuovo in termini di fotografia, poiché è lo stesso sensore dei POCO F4 e F5. Questo sensore è nella media, non è male, ma non è quello che verrà ricordato come un punto di riferimento in questa fascia di prezzo. Tuttavia, ho notato un miglioramento nella stabilizzazione video, senza dubbio legato alle maggiori prestazioni del telefono.
Con questo nuovo POCO X6, il marchio POCO lascia ancora una volta il segno sul territorio che ha deciso di conquistare, a volte a scapito di alcuni elementi, ma senza cadere nella mediocrità.

Punti di forza:

Prestazioni

Qualità dello schermo

Qualità del suono

Velocità Wifi

Segnale GPS

Stabilizzazione video

Durata della batteria

Punti di debolezza:

Qualità delle foto in condizioni di scarsa illuminazione

Colorimetria in DCI P3

Precisione del GPS nella media

Segnale mobile in calo

Alternative a questo prodotto

Non ancora disponibile / testato





Laurent Willen LAURENT WILLEN
Capo di me stesso su questo blog

Condivido le mie passioni sul mio blog nel tempo libero dal 2006, preferisco quello alle sciocchezze in TV o sui social network. Lavoro da solo, sono senza dubbio uno degli ultimi sopravvissuti al mondo dei blog e dei siti personali.

La mia specialità? Il digitale in tutte le sue forme. Ho trascorso gli ultimi 25 anni lavorando per multinazionali dove ho gestito team digitali e generato ricavi per oltre 500 milioni di euro all'anno. Ho esperienza nel settore delle telecomunicazioni, dei media, dell'aviazione, dei viaggi e del turismo.
Samsung Galaxy A25 5G: test / recensione
È da qualche anno che non provo un Samsung entry-level per mancanza di tempo, ma ora torno a farlo con l'A25 e lo confronto con i suoi rivali cinesi.
POCO F6 Pro: test e recensione completi
POCO ha tirato fuori l'artiglieria pesante per fare il solletico al top di gamma di altri marchi... potenza, eleganza e una nuova fotocamera. Un successo o un fallimento?
Xiaomi Redmi Note 13 : test / recensione
I prezzi salgono per tutto, ma finora Redmi è sempre riuscita a vendere i suoi modelli entry-level a circa 200 euro, anche se senza grandi innovazioni. È ancora così?
Redmi Note 13 Pro: recensione completa (qualità fotografica)
Il Redmi Note 13 Pro alza l'asticella con prestazioni ancora più elevate, un ottimo schermo e un sensore fotografico da 200 megapixel. Solo marketing o un vero affare?
POCO X6 5G : Test / Recensione
La gamma X di POCO è sempre stata sinonimo di prestazioni a basso prezzo e il POCO X6 rafforza ulteriormente questa posizione offrendo ancora più potenza per un pubblico molto ampio.
Honor Magic6 Lite 5G : test / recensione
Un design sobrio, premium ed elegante... un sensore fotografico enorme, buone prestazioni, l'Honor Magic 6 Lite ha tutto per piacere... almeno in teoria!
Xiaomi Redmi Note 12 Pro: test / recensione
Il Redmi Note 12 Pro è dotato di un sensore fotografico Sony, cosa che non accadeva da tempo, porterà finalmente qualcosa di nuovo?
Honor 90 Lite: test / recensione
Honor ha subito una serie di cambiamenti negli ultimi anni e non avevo ancora avuto l'opportunità di testare uno dei suoi smartphone di ultima generazione.
POCO X5 5G : test / opinione
Il POCO X5 5G è un acquisto magistrale nella fascia media, sa fare tutto o quasi pur limitando il budget.
Google Pixel 6a: recensione, test e qualità delle foto
Un nuovo Pixel a un prezzo accessibile, è possibile! Il Pixel 6a è un dispositivo di fascia media con tutte le qualità di un dispositivo di fascia alta.
Unihertz Luna : test / opinione
Non conoscevo Unihertz fino a 6 mesi fa, sono rimasto piacevolmente sorpreso dal primo modello che ho provato, riuscirà il Luna a sorprendere anche me?
POCO F5 : test / recensione
Questo nuovo POCO è il diciassettesimo telefono di questa marca che testo, quindi ho molto tempo per valutare se questo nuovo modello vale le distrazioni.
Poco X4 Pro 5G: test / recensione
Il Poco X4 Pro è il secondo telefono della gamma X Pro di Poco, il primo è stato un successo, questo secondo modello seguirà lo stesso percorso?
POCO M5 : test, opinione e prezzo
Ho acquistato quasi tutta la gamma POCO M e pensavo che il marchio non avesse innovato molto negli ultimi mesi. L'M5 cambierà questa situazione?
Unihertz Tank : test / meinung
Volete sopravvivere a un'invasione di zombie o semplicemente sopravvivere nella giungla con uno smartphone? Credo di avere quello che fa per voi!
Poco F3 Test / Recensione
La famiglia Poco con una nuova generazione della serie F ma con un focus sulle prestazioni invece che sulla fotografia. Il Poco F3 offre una potenza ineguagliabile in questo segmento di prezzo, i giocatori saranno contenti.
Doogee S96 Pro: test / recensione
Dopo una prima esperienza positiva con il marchio Doogee, ho deciso di comprarne una seconda con questo S96 Pro che sembra offrire un interessante rapporto prestazioni/qualità/prezzo.
Redmi Note 10s: test / recensione
La macchina Xiaomi continua a produrre più modelli di qualsiasi marca e questo Redmi Note 10s si inserisce tra il Redmi Note 10 e il Redmi Note 10 Pro
Xiaomi Redmi Note 12: test / recensione
Ho testato la gamma Redmi negli ultimi 5 anni e ogni volta ho visto un modello interessante. In linea di principio questo modello dovrebbe essere interessante, ma Redmi seguirà la tradizione?
iiiF150 R2022: test / recensione
iiiF150 R2022 è posizionato come un telefono robusto con un design molto militare. Questo telefono si discosta chiaramente dai soliti standard per assumere un'identità quasi brutale.
Poco X3 Pro: test / recensione
Il Poco X3 Pro prende le basi del Poco X3 (che era un buon telefono) offrendo il 50% di prestazioni in più per un prezzo più o meno equivalente. Diventa così il re delle prestazioni nella fascia media.
Realme GT 5G: test completo / recensione
Non ho testato un Realme da un po', ma non potevo perdere l'opportunità di testare questo nuovo Realme GT. La potenza di questo telefono gli permetterà di competere con i telefoni più potenti sul mercato ad un prezzo inferiore.
Redmi Note 11 Pro+ 5G: test / recensione
Dopo il Note 11, Note 11 Pro, ecco una terza versione della generazione "11" con un Pro+ 5G che è un 11 Pro con più potenza.
Poco M4 Pro 4G: test / opinione
Dopo una prima versione in 5G, il Poco M4 Pro torna in versione 4G con uno schermo migliore, una fotocamera migliore e più memoria
Xiaomi 11T: test / recensione / qualità delle foto
La gamma T sale di una tacca e solletica il top della gamma di altre marche. Ha una fotocamera da 108 milioni di pixel e uno schermo amoled.
Test del Google Pixel 5 / qualità delle foto
Volevo testare il Google Pixel 5 da molto tempo, soprattutto per la foto. L'ho trovato troppo costoso, così l'ho comprato di seconda mano.
Poco M4 Pro 5G: test / recensione e prezzo
Poco è tornato con un dispositivo entry-level sovralimentato e questo Poco M4 Pro è sicuro di essere un top performer a meno di 200€
TCL 10 Pro: test / recensione / prezzo
Non conoscevo il marchio TCL prima di provare il TCL 10 Pro, sono stato positivamente sorpreso dall'alto livello di finitura ma il resto regge?
Redmi 10: test / recensione
Generazione dopo generazione, Xiaomi riesce a rinforzare i suoi telefoni entry-level fino al punto in cui fanno il solletico ai modelli di fascia media.
Umidigi Bison Pro: test / recensione
Umidigi ha fatto un grande ingresso nel mondo degli smartphone rugged con l'Umidigi Bison, ora sono tornati con la versione Pro con una finitura più bella e più potenza.
Redmi Note 11: test / opinione
Ho provato la gamma Redmi dal Redmi 5 e questo marchio si è affermato come il re dell'entry level, il Redmi Note 11 seguirà lo stesso percorso?
Redmi Note 11 Pro: test / recensione
Il Redmi Note 11 Pro si muove verso un formato più premium ma con elementi del modello precedente. Resisterà ancora alla concorrenza?
TCL 30 SE : test / opinione / prezzo
Chi ha detto che l'entry level non è interessante? Per 150€ il TCL SE non è una macchina performante ma ha molte altre risorse da offrire.
Poco F4 GT: recensione completa e opinione
Il Poco F4 GT è uno smartphone sovralimentato progettato per soddisfare le esigenze dei giocatori hard core o di coloro che vogliono semplicemente le migliori prestazioni.
Oukitel WP18: test e recensione
Non avevo testato nessun telefono di questo tipo per alcuni mesi e ho deciso di testare questo perché il suo posizionamento di prezzo lo renderà senza dubbio interessante per un pubblico molto ampio.
Poco X4 GT Recensione / Test
Poco continua a raggiungere la luna con telefoni sempre più potenti, ma fortunatamente le qualità del telefono non si fermano qui.
Poco F4 : test / opinione / recensione
La gamma F rappresenta il top di gamma di Poco ed è spesso sinonimo di potenza, design e innovazione. È ancora così con l'F4?
OnePlus Nord 2T : test / recensione
Questo OnePlus è il secondo telefono di questo marchio che provo, il primo non mi ha impressionato ma questo ha alcuni argomenti forti per farmi cambiare idea.
Redmi 10A: test e recensione
Alcuni non conoscono la crisi acquistando iPhone a più di 1000€, per gli altri Redmi offre un telefono a circa 100€.
OnePlus Nord N100: test / recensione
Non ho ancora testato nessun telefono OnePlus perché erano troppo costosi, ma con l'N100, OnePlus sta entrando in una fascia di prezzo più accessibile, quindi ho dovuto testarlo.
Poco M3 Pro: test / recensione
Dopo l'enorme successo del Poco M3 alla fine del 2020, Poco lancia la versione PRO con un rapporto prestazioni/prezzo che scuoterà ancora il mercato degli smartphone sotto i 200€.
Samsung Galaxy A52: test / recensione
Non provo spesso i dispositivi Samsung come molti altri già fanno, ma ho voluto fare un'eccezione per il Galaxy A52 che probabilmente genererà molte vendite.
page index
Indice
prices
Prezzo
notifications
Avvisi
category
Categoria
comments
reazioni


Domande/Commenti

politica sulla riservatezza | Termini e Condizioni